Backup e Restore di un Database PostgreSQL

Per fare il backup ed il restore di un database postgresql la maniera più semplice è la linea di comando, per il backup basta un semplice:

o se preferite la via prolissa ma più mnemonica con:

dove, evidentemente, <nome db> segna il posto dove digitre il nome del database che volete salvare e nomefile.txt il nome del file dove i vostri dati saranno depositati, lìopzione format ci permette di delegare al ostro beniamino la gestione, non banale, dell’ordine di creazione degli oggetti e dell’ordine del caricamento dei dati .

Per il ripristino la cosa è altrettanto semplice:

se amate la prolissità:

anche qui nomefile.ext indica il file dove è stato precedentemente memorizzato il backup e ‘postgres’ indica il database a cui collegarsi inizialmente.

Ovviamente vengono dati per scontate alcune informazioni:

il nome della macchina dove il database è installato è quella da dove viene impartito il comando così come l’utente usato per il collegamento con il database è quello con cui avete fatto il login, la password non è necessaria perchè nel database è presente un utente con lo stesso nome e nel file pg_hba.conf è configurato, per impostazione predefinita, che gli utenti della macchina ospiteante il database (localhost per intenderci) sono esentati, quando presenti anche in postgresql, dalla digitazione della password.

Ovviamente se così non fosse diventa necessario aggiungere:

-h host (oppure –host=host nella versione prolissa) per indicare il nome dell’host dove risiede il nostro beniamino ed ovviamente il parametro -p port (–port=port nella versione prolissa) quando non viene usato il valore standard: ‘5432’.
-U username (–username=username nella versione prolissa) ad indicare l’utente da usare per il collegamento, seguito eventualmente dal parametro -W (–password) ad indicare che venga richiesta comunque la password piuttosto che non venga chiesta affatto, parametro: -w (–no-password) ma presa dal file .pgpass nella home dell’utente del sistema operativo, quest’ultima opzione è meravigliosa quando il comando è inserito in uno script dove però è inopportuno indicare in chiaro la password da usare.

Ovviamente le opzioni in entrambi i comand sono notevoli e utili per affrontare le casistiche di un utilizzo professionale. Ora che avete le basi potete divertirvi esplorando l’ottimo manuale che accompagna postresql ch potte trovare qui.

Come sempre vi aspetto per un’altra lettura.

Ciao
Andrea

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.